fbpx
26.09.2023 Paris #luxury

La cultura pop di Chaumet rivela la sua età d’oro a Place Vendôme

Chaumet ha scritto la sua storia un secolo dopo l’altro; una saga ininterrotta lunga 240 anni: quella del primo gioielliere a stabilirsi presso uno degli indirizzi più rinomati al mondo, Place Vendôme a Parigi. Per celebrare questo anniversario e riportare all’antico splendore l’hôtel particulier Baudard de Sainte-James, la Maison di fama mondiale ha completamente restaurato il suo prestigioso flagship store. Chaumet superò la Rivoluzione francese, la caduta dell’Ancien Régime e il colpo di stato del 18 brumaio, prima di entrare nella storia quando Napoleone richiese alla Maison di creare i gioielli per la sua incoronazione, inclusa la spada imperiale con il celebre diamante Reggente Golconda. E fu proprio Chaumet a creare numerosi doni per Giuseppina, moglie di Napoleone, come simboli del suo amore. La storia del celebre hôtel particulier è andata costellandosi di eventi che l’hanno reso una leggenda. Nel 1848 il palazzo ha ospitato l’ambasciata russa. Frédéric Chopin via ha poi risieduto per un periodo su invito dell’amica, la contessa Potocka. Il 12 di Place Vendôme era una scena fiorente e un importante hotspot creativo per la cultura pop. La Maison abbraccia ora lo spirito inventivo e sfrenato di quel periodo per presentare una mostra senza precedenti, che aprirà il 5 ottobre. L’esposizione, sotto la direzione artistica del brillante René Morin, presenta una serie di pezzi eccezionali, ognuno più stravagante del precedente. Martedì 26 settembre, la Maison di gioielli ha ospitato una serata celebrativa nelle sale dorate dei suoi saloni storici, che hanno avvolto queste creazioni poco conosciute in un’aura che ricorda l’epoca Pompidou. Dopo un concerto di Cerrone, che ha infiammato la pista da ballo, i DJ Irfane e Breakbot hanno fatto scatenare gli appassionati fino a tarda notte.

Foto : Jean Picon, Tomy Do e Astrid Staes

Who